Ushahidi: esempi di crowdsourcing in situazioni di crisi

Le piattaforme per il crowdsourcing non riguardano solo brand e prodotti. Ushahidi è uno degli esempi principali di utilizzo alternativo e di aiuto per le popolazioni, sia per come è nato che per la ragione di fondo del progetto.

Andiamo a scoprire insieme questa società no-profit specializzata in software libero e open source per la raccolta, la visualizzazione e la mappatura interattiva.

Ushahidi: un esempio di crowdsourcing

Ushahidi“, che significa “testimonianza” in Swahili, è una piattaforma innovativa sviluppata per raccogliere su una mappa le segnalazioni di violenza in Kenya (durante il periodo di scontri post-elettorali nel 2008). Il sito fu usato per geolocalizzare e monitorare gli episodi di violenza che avvenivano in Kenya utilizzando le segnalazioni pervenute via web e telefono cellulare.

L’obiettivo era quello di facilitare il lavoro dei soccoritori e delle organizzazioni pacifiste. In quell’occasione la piattaforma fu utilizzata da oltre 45 mila cittadini in Kenya. Questo enorme successo fece capire al team la necessità di una piattaforma standard che potesse essere utilizzata anche da altri nel mondo, soprattutto in queste situazioni di crisi.

Come riporta Crowdsourcing Network: “Da allora Ushahidi è cresciuta, passando da un gruppo selezionato di volontari ad una organizzazione strutturata con un team competente in vari settori – dai diritti umani allo sviluppo di software – cui si aggiunge un nutrito numero di volontari attivi principalmente in Africa, ma presenti anche in Europa e negli Stati Uniti.

Grazie ai fondi di Humanity United, Ushahidi ha potuto ricostruire e reimpostare la piattaforma, migliorandone le prestazioni. Nel giro di pochi mesi, (ottobre 2008) l’alpha version di Ushahidi fu completata e immediatamente utilizzata in Congo.

In seguito hanno contribuito direttamente allo sviluppo e testing della piattaforma nella versione alpha differenti organizzazioni: the International Center for Transitional Justice (ICTJ), Peace Heroes e la Commissione Nazionale per i Diritti Umani in Kenya. Esternamente ci sono stati altri 4 principali sviluppi con Al Jazeera durante la Guerra a Gaza, con Vote Report India e con Pak Voices (per mappare gli episodi di violenza in Pakistan).

La mission di Ushahidi è creare una piattaforma utilizzabile da persone, enti e associazioni per organizzare, ciascuno in base alle proprie esigenze, la raccolta e la visualizzazione geolocalizzata delle informazioni e dei dati. La piattaforma può essere implementata con plug-in ed estensioni ed essere customizzata secondo le esigenze di servizio e dei vari Paesi“.

Ushahidi: un esempio di crowdsourcing

La CrowdMap

Ushahidi ha sviluppato Crowdmap, un nuovo tool gratuito al momento in fase beta, che permette a chiunque di utilizzare il software di Ushahidi senza dover installare nulla sul proprio Webserver. Crowdmap consente di scegliere come utilizzare la mappa Ushahidi in base alle proprie esigenze.

Ancora non vi è chiaro il funzionamento di Ushahidi? Ecco un bel video di presentazione:

[youtube]EhT3co2qNAA[/youtube]

Come potete vedere, il crowdsourcing può essere sfruttato anche in situazioni di crisi o di censura. Lo reputo un esempio davvero molto bello!

Voi cosa ne pensate?

Approfondimenti:

Il Blog di Ushahidi

Ushahidi su Facebook

Ushahidi su Twitter

Ushahidi su Vimeo e Flickr

Privacy Policy

Toweb.co (© ToWeb Srl) Via Merano, 18/A, 20127 Milano (MI) - Via Montanara, 124, 41049 Sassuolo (MO) info(at)toweb.co t. 05361815101